La rinascita dell’Elkaren parte I

Share Button

Era il cruccio del loro Sept. Innumerevoli generazioni si erano succedute alla ricerca del modo giusto per creare l’Elkaren: l’arma che, secondo il mito, il loro capostipite aveva brandito assieme a Ulrich il Grosso, quando questi faceva parte del seguito del mitico Cavaliere del Tramontano.                                              Pare che nel momento della morte di Ulrich, per mano dei malvagi sicari Imperiali, parte del suo seguito fosse andata in rotta con il piccolo manipolo dove si trovavano Brian Goldwin Kerr e la sua possente arma: l’Elkaren. Essa cadde assieme al suo condottiero ed a tutti i compagni che lo avevano seguito giù dalle montagne, per lottare contro l’ingiustizia e la malvagità dei Quattro, non si è mai scoperto che fine abbia fatto né, addirittura, che foggia avesse, se fosse stata una spada pesante, un’ascia o perfino una lancia da cavaliere.                                                                                                                                          L’unica cosa che si sa dal mito, è che fosse in grado di produrre fiamme così ardenti, da sciogliere le carni del nemico come cera, sotto al colpo inferto. Più di una volta Brian l’aveva usata per cacciare via dal villaggio i troll di montagna che provavano ad inerpicarsi sulle pendici vicine a dove abitava. Addirittura una volta mandò in rotta un intero plotone di soldati imperiali dando fuoco ai carri delle vettovaglie. Una battaglia risolta senza nemmeno un ferito. Da rimanere negli annali. Purtroppo negli annali rimangono anche gli eventi tristi e oltraggianti, come lo smarrimento dell’Elkaren. Col passare degli anni, dei lustri e dei decenni, pochi hanno mantenuto memoria di questi fatti. Fino ad oggi, giorno in cui nessuno più ricorda la storia di Brian e della sua arma.

Anno XXV In un villaggio alla pendici delle Cime Guardiane

“Padre, vi ha appena spiegato che non si può ritrovare! Si deve forgiare! Brian Goldwin conosceva il vincolo dell’Acciaio… è scritto qui… leggete!                                                                                                   …infusi nella forgia la fiamma che albergava nel mio cuore                                                                         così nel primo impeto d’ira, il martello rispose alla mia brama                                                                      con fiamme alte seminò terrore e dell’Elkaren crebbe la fama”                                                          “Mmmh… e dimmi, come lo hai letto, se a fatica sai scrivere il tuo nome? Somara!”                                  “Me lo ha letto Beòrn, padre… vi prego, lasciatemi partire con lui! Il conclave è alle porte ed io sono pronta. Diventerò il miglior fabbro dell’Orifiamma, vi renderò fiero di me! E riporterò la pace e la prosperità nel nostro Sept malandato, come dice la leggenda!”                                                                    “Ci credi davvero bimba mia? E’ solo una vecchia fiaba che si racconta per andare a dormire”                 La discussione era andata avanti per lunghi giri di clessidra, Abigaille gonfiò il petto guardandolo negli occhi, un ultimo impeto di coraggio e tirò fuori un tono alto: “E voi credete in me, padre?”                       Lui si trattenne un attimo dal risponderle. lo sguardo cadde sulla fiamma del focolare che ardeva fiera e vivace, poi vide la stessa luce nello sguardo della figlia e comprese infine quale fosse la cosa giusta da fare: “Sì, ma a tua madre diremo che partirà solo tuo fratello, intesi? E adesso mostrami quel cartiglio”.

Anno XXVIII Vecenslot Conclave Regio, mattina del secondo giorno

Arrivò nell’ora del desco, passò velocemente dalle cucine per un pasto leggero, si sentiva fiaccata dal viaggio e non aveva appetito. Non tardò troppo e raggiunse la fucina nell’ala est della magione, aveva chiesto a Brad di accompagnarla, lui accettò di buon grado per il tempo che aveva a disposizione, gradivano incontrarsi e scambiare racconti di battaglie, dopo i mesi trascorsi lontano l’uno dall’altra. Erano buoni amici. Iniziò col preparare le vasche di raffreddamento, poi riempì il camino di legna, attizzò il fuoco ed attese che le fiamme riempissero il suo sguardo. Dopo qualche ora di lavoro, aveva fuso ed intrecciato alla testa del suo maglio diversi strati di metallo, fino ad aumentarne il volume almeno del doppio.                                                                                                                                                    “Abigaille, sei sicura di riuscire ad alzare quel blocco di metallo? Mi sembra un tantino azzardato per il tuo fisico. Una lama come questa sarebbe più adatta a te”                                                                            Le mostrò una delle sue: corta, affilata e veloce. Il fabbro sorrise al pensiero, certo sarebbe stato molto più semplice combattere con una lama simile, ma non era quella che impugnava il suo avo… Brian impugnava un grosso maglio che faceva roteare sulla sua testa come una piuma d’uccello, un maglio tanto grande da schiacciare il cranio d’un uomo come una noce.                                                            “Vedrai, amico mio, sarà uno spasso combattere insieme, devo solo capire come evocarne il potere…” lo sguardo si fece assente, Abigaille corrugò la fronte, poi un suono netto di tacchi iniziò ad echeggiare nel corridoio “Deve essere Hildegard, in ottimo orario”                                                                             “Stai scherzando?” Bradwein si affacciò nel corridoio e cambiò espressione “Ci si vede gardanita, in bocca al troll!” e se ne andò veloce come un lampo.                                                                                 La donna entrò con il migliore dei suoi sorrisi, l’unione in matrimonio con Sir Rhinad l’aveva cambiata un pochino, Abigaille la trovava meno austera e più sorridente, financo a notare una luce diversa irradiarsi dai suoi incantamenti. Non persero tempo e mentre il fabbro portava la testa del martello alle temperature più alte, Hildergard tramutava l’acqua nelle vasche in ghiaccio duro e resistente. Seguirono diversi passaggi simili, intervallati da un’attenta battitura, finchè l’arma non fu pronta…                           La stringeva fra le mani incredula, erano passati anni dal giorno in cui aveva giurato di riportare l’Elkaren al suo villaggio ed erano cambiate tante cose da allora…

“Adesso, mia cara Abigaille, non rimane che scendere in campo e provarla”                                             “Più tardi…” rispose placidamente “…devo avere una buona ragione per infuriarmi”.

Share Button

Commenti

commenti

Lascia una risposta!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *