Virilità a Corte

Share Button

2954 E.Q.

In un lussuoso bagno pieno di specchi, un fedele maggiordomo tuttofare con un affascinante pizzetto biondo, un appariscente orecchino d’oro all’orecchio destro, una camicia bianca con un profondo scollo a V, che lascia intravedere due possenti pettorali villosi, e lunghi ricci color del grano, sta togliendo con delicatezza delle bende dal volto di un ormai giovane adulto…

“Signorino Julian, anche questo balsamo miracoloso non ha funzionato… Ormai è il quinto che proviamo. Questi quattro peli che avete in faccia non diventeranno mai baffi!”

Il ragazzo guardandosi prima in uno specchio e poi in un altro esclama portandosi il dorso della mano destra alla fronte:

“Anastasio, dobbiamo trovare una soluzione! I baffi sono una tradizione della mia famiglia da generazioni. Sono già passati tre mesi da quando mio padre è partito per la spedizione, voglio che al suo ritorno trovi un bel paio di baffi su questa faccia da rubacuori”

 “Su Signorino non fate così, ricomponetevi; abbiamo pochissimo tempo per sistemare questi capelli sbarazzini prima della vostra lezione giornaliera di Bon-ton”

 “Ah Anastasio, mio fedele amico e confessore, non ne posso più di questa vita: tutti i giorni lezioni di Bon-ton con quella vecchia rachitica di mia zia, lezioni di lancia con quel tutto-tranne-che-aitante Aleandro, per poi finire chiuso in quella biblioteca a studiare tomi su tomi sull’Iris e i Medium”

 “Piccolo Julian su, non fate così, sapete che a forza di musi lunghi vi compariranno le rughe”

“Questo mai!” esclamò Julian sussultando e ammirandosi nuovamente negli specchi…

“Anastasio, vorrei tornare a qualche anno fa; quando non avevo tutti questi impegni e passavamo giornate in giardino a esercitarci nelle nostre lezioni di ballo”

Il maggiordomo dando l’ultimo colpo di forbici alla ritrosa sinistra del ragazzo, mette le mani sulle spalle del giovine e guardandolo attraverso uno degli specchi con tono paterno gli sussurrò:

“Non avete più bisogno delle mie lezioni di ballo, ormai avete la danza che scorre nel vostro sangue e nei vostri fianchi”

Il ragazzo si gira commosso verso Anastasio e con i lucciconi agli occhi lo abbraccia, in un profondo abbraccio virile!

Poi il maggiordomo buttando uno sguardo a terra dove si trovano le ciocche di capelli appena tagliate di Julian esclama:

“Forse mi è venuta un’idea per risolvere il problema dei baffi!”       

Share Button

Commenti

commenti

Lascia una risposta!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *