Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

GLOBALE - I segreti del Dogma
Stampa
Categoria: Voci dal Ducato
Visite: 532

In seguito alla preziosa consulenza fornita dall'eminente storico Polidoro Saleschi, i probi figli dell'Orifiamma hanno rinvenuto entro il "palazzo smarrito" un deposito quanto mai bizzarro, ricondotto in prima ipotesi all'oscura setta del Dogma: in esso, è stato scoperto un misterioso congegno, chiamato la "macchina delle ere", apparentemente guasto a causa di un difetto strutturale.

Inoltre, gli alacri sforzi di un gruppo di Spolatori, hanno prodotto l'invocazione una seconda "breccia temporale", durante la quale costoro sono stati in grado di consegnare ignote informazioni ad un gruppo di Filatori risalenti alle origini del "palazzo smarrito".

A seguito di tale breccia, inspiegabilmente, il marchingegno difettoso ha inspiegabilmente ripreso a funzionare...

A tali inquietanti eventi si aggiunge la distruzione pressochè totale di una sala adiacente a quella della macchina delle ere: tale antro, una camera sigillata che nemmeno le intuizioni del Clan Cleeland e l'impiego di un marchingegno ricondizionato sono stati sufficienti a dischiudere, è stato raso al suolo da un "prototipo", ridestatosi a seguito della fuga di Shibeel...

Sebbene non sia chiaro il ruolo della "macchina delle ere", a seguito di tali eventi le corti dell'Orifiamma hanno convenuto nello spostare il marchingengo in luogo ignoto e ben protetto, onde evitare che chicchessia possa interagirvi senza la più stretta sorveglianza...