Finale di Campagna – Dritto al Cuore


L’associazione ludica “Le Terre degli Angeli” è lieta di presentarvi il
“Finale di Campagna – Dritto al Cuore”,
sessione conclusiva dell’anno ludico 2017/2018.

 

Finale_di_Campagna

Finale di Campagna

 

*  *  *

Valorosi o empi pellegrini del vecchio mondo,

A tutti voi diamo il benvenuto in un’occasione di divertimento e avventura senza pari!

Un fatidico epilogo…

Il calendario ludico della nostra Cronaca GRV “CAPUT MUNDI” volge al termine e l’attuale capitolo della fosca vicenda ambientata nelle lande di Caponord è ormai prossimo a giunger al suo fatidico epilogo. Il “Finale di Campagna” è dunque la sessione che segna la conclusione di un intrigante anno di gioco: un frangente destinato a chiuder molte delle trame finora ordite o a farle intrecciare con gli intriganti spunti che già sorgono all’orizzonte.

 

L’evento si terrà dalla mattina di sabato 16 Giugno fino al pomeriggio di domenica 17 Giugno. L’area di gioco sarà ospitata all’interno dell’imponente complesso storico della Fortezza di Sarzanello (http://www.fortezzadisarzanello.com/). Una maestosa rocca il cui glorioso passato spazia per quasi mille anni, dal primo sovrano del Sacro Romano Impero al celeberrimo Napoleone Bonaparte.

 

I partecipanti potranno usufruire degli alloggi indicati dall’associazione presso il paese di Sarzana (SP). Il vitto servito nel corso dell’evento sarà preparato dallo staff TdA all’interno di appositi spazi nella fortezza.

Come iscriversi…

Ogni partecipante potrà iscriversi all’evento esclusivamente facendo quanto segue:

  1. Scaricando la documentazione completa dell’evento.
    1. Download “Finale di Campagna – Dritto al Cuore” finale_2018_sito.zip – Scaricato 64 volte – 4 MB

  2. Compilando i moduli d’iscrizione e facendoli pervenire allo staff TdA.
  1. Pagando la quota di adesione fissata a 50 euro.

Potete iscrivervi fissando un incontro ad Arezzo col nostro staff, oppure pagando la quota di adesione tramite Ricarica Postepay

(contattare Marco Peloni – FB: Marco Peloni, e-mail: marcopeloni@alice.it, tel: 339–8151626).

 

IMPORTANTE!!! Quanti dovessero iscriversi a distanza (es. tramite ricarica Postepay) sono pregati di confermare subito dopo l’adesione contattando Marco Peloni (tel: 339–8151626).

 

Sarà possibile iscriversi in tal modo fino a domenica 3 Giugno. Sulle iscrizioni che perverranno dal 4 al 14 Giugno sarà applicato un sovrapprezzo di 10 euro. L’associazione si riserva di non accogliere le richieste d’iscrizione che perverranno dopo il 14 Giugno.

 

Consultate i documenti introduttivi per le info su vitto/alloggio, servizi e modulistica. In caso di problemi non esitate a contattarci!

 

Raggiungere l’evento…

L’arrivo dei partecipanti presso la sede dell’evento è fissato dalle ore 17 la sera di venerdì 15 Giugno oppure dalle ore 8 la mattina di sabato 16 Giugno.

Alloggio…

I partecipanti potranno pernottare in fortezza le sere di venerdì 15 e sabato 16 Giugno (NOTA: Per il pernottamento sarà messo a disposizione un salone della fortezza ma gli ospiti dovranno provvedere a portare brande/materassini e sacchi a pelo. Il numero di posti-letto disponibili è limitato e quindi i partecipanti dovranno verificarne la disponibilità al momento di fare l’iscrizione).

 

Qualora i partecipanti vogliano una sistemazione diversa per la notte, potranno contattare a loro discrezione una delle strutture del vicino paese di Sarzana (SP). A tal proposito indichiamo come possibile sistemazione il seguente ostello: http://www.hostelameglia.com/.

 

Vitto…

I pasti compresi nella quota dell’evento sono pranzo e cena di sabato 16 Giugno (NOTA: I partecipanti che soffrono di gravi intolleranze alimentari sono tenuti a menzionarle al momento dell’iscrizione).

Colazioni, cena del venerdì e pranzo della domenica non sono inclusi.

Sarà comunque possibile usufruire della macchina da espresso associativa, piazzata in un’apposita area off-game all’interno della fortezza. Il prezzo delle cialde di caffè, ritirabili presso la segreteria di gioco, è sempre di 0.5 €.

*  *  *

 

Qualche nota di colore…

ERIGAS – Le vele del massiccio brigantino garrivano al vento mentre la vedetta stava pigramente abbandonata sulla balaustra della coffa.

A un tratto gli occhi annebbiati dal ron dell’uomo furono colti da un’imponente massa scura che si stagliava sulle acque all’orizzonte… prima le grida arrochite dall’alcool, poi le campane di poppa e prora, levarono l’allarme e l’intera ciurma nel giro di pochi attimi fu in assetto di combattimento. Il comandante alzò un rudimentale cannocchiale sopra la barba brizzolata, scrutando in lontananza per capir quale sciagura stava per partorir la malasuerte.

Un immenso cetaceo dalla pelle viscida e ricoperta di corna ossee galleggiava immobile sullo specchio del Grande Oceano… un’immagine in grado di risvegliar il più atavico terrore nella mente dei lupi di mare, un’immagine vincolata a un terribile nome: il Leviatano.

Il comandante stava per gridar l’ordine di volger il timone, onde tentar un disperato ripiego, quando la limpida lente del suo terzo occhio colse un particolare che lo lasciò di stucco: c’era uno stormo di gabbiani posato sul mostro. L’ufficiale aguzzò lo sguardo e vide il ventre del Leviatano gonfiarsi lentamente sotto l’azione del suo respiro… no, non era morto e ciò nonostante le altre creature osavano accostarsi a esso.

“Poro todos los diablos… sogno o quello stramaledetto essere si sta facendo la siesta nel bel mezzo del mare?!” – Un pensiero troppo surreale per esser pronunziato ad alta voce affiorò nella mente dell’uomo… ma quel mostro non era forza la negazione stessa della realtà?

Il comandante scosse la testa ed esclamò con tono perentorio: “VAMOS! Credo che qualcuno debba ricever al più presto menzione di ciò…”.

 

VALDEMAR – La Nobildonna stava assisa innanzi a un desco di pallido legno, adornato di pregiati intarsi di madreperla, sul quale era affastellata un’impressionante quantità di scritti.

Frattanto l’araldo attendeva fisso nel più rigoroso silenzio, consapevole che avrebbe dovuto attender l’avvallo della sua Signora prima di proferir una singola parola. La Nobildonna diede un’ultima occhiata alle carte che riportavano una fedele cronaca degli eventi occorsi in occasione dell’ultima Ventura, ossia il frangente in cui la Mente aveva riferito una versione della storia drasticamente diversa da quella nota all’umanità intera… poi rivolse la sua attenzione al lacchè, il quale riferì meccanicamente le proprie notizie.

“Madame, le autorità del Lupo hanno deciso di incontrare delegazioni delle Signorie presso l’antico fortilizio di Gigaspasch… il reggente del Lupo ha disposto di spostar tra quelle mura i cimeli dei Sobrat e il tempio laddove è riposto il sadki si trova a poche miglia di distanza… dunque Sua Eccellenza, la Zarina Zoya Von Khratos, ha accettato di esaminar il ricettacolo che irretisce La Cosa assieme agli emissari del Pentarca e dell’Indomito.” – Un impulso entusiasta si fece strada nella Nobildonna e un lieve sorriso dissipò in parte la sua algida flemma.

Dunque Khartas avrebbe accordato a Valdemar e Erigas di visionare i segreti affidati alla sua ferrea custodia. Poco più di un anno addietro i tre reami avevano deciso di relegar una verità vecchia come il mondo stesso… ora dunque era d’uopo decider se violar quello scrigno che loro stessi avevano serrato.

 

 KHARTAS – La squadra di legnaioli avanzava con circospezione nella boscaglia, preceduta da arcigni guerrieri che brandivano asce forgiate per fender la carne prima ancora che il legno.

Da quando l’orda cannibale dei Figli della Bestia imperversava a ridosso dei Vioska di Khartas, nemmeno i più ordinari lavori potevano esimersi dal ricever un’adeguata protezione d’arme. Non appena i militi si furono disposti ai lati della radura, i braccianti principiarono la raccolta, procedendo di buona lena.

A un tratto una giovane donna scostò gli arbusti che si accingeva a tagliare e improvvisamente un volto imbrattato di terra, al centro del quale troneggiava una lugubre runa scarlatta, comparve innanzi a lei… un urlo agghiacciante squarciò il silenzio della selva e in un batter d’occhio gli armigeri piombarono sul posto.

Cinque mangiatori d’uomini giacevano distesi su un fitto tappeto d’erbe e foglie. Il calmo flettersi del torace, nonché il ronzio che proveniva dalle loro labbra sudicie di sangue rappreso suggeriva un’inspiegabile fatto… per la prima volta dall’inizio della loro implacabile caccia, i figli della bestia stavano dormendo della grossa.

 

 

*  *  *

 

CONTATTI PER L’EVENTO

 

Sito ufficiale TdA: www.terredegliangeli.com

 

Referente iscrizioni: Marco Peloni (FB: Marco Peloni, e-mail: marcopeloni@alice.it, tel: 339–8151626)

 

Referente ambientazione GRV: Andrea Botarelli (FB: Andrea Botarelli, e-mail: andrea.botarelli80@gmail.com, tel: 349–7536726)

 

Referente regolamento GRV: Luca Pecchi (FB: Luca Pecchi, e-mail: luca.pecchi@gmail.com, tel: 377–2097835)

 

Sperando di viver assieme a voi una mirabile esperienza in occasione del Finale 2018, a tutti voi auguriamo un sincero “in bocca al troll”!

Finale Di Campagna TDA