L'associazione "Le Terre degli Angeli" è lieta di invitarvi all'epico Concistoro di Fininverno dell'anno XXIX (edizione 2016).

 




Valorosi o empi pellegrini del vecchio mondo,

Nel vostro futuro si profila un'occasione di divertimento e avventura senza pari!

Un fatidico incontro per le grandi Signorie dell'Orifiamma... un'antica dimora il cui passato evoca misteri imperscrutabili e incubi tenebrosi nella mente degli uomini... un contorto dedalo di eroiche gesta e torbidi intrighi.


COS'È IL CONCISTORO IN TRE PUNTI:

- Il Concistoro di Fininverno è un evento di gioco di ruolo dal vivo (GRV) ambientato nel mondo fantasy di Whanel. Al principio del nuovo anno i grandi Ducati del Sud s’incontrano in un solenne appuntamento diplomatico volto a gettar le fondamenta dell'anno venturo. A ospitare l’evento saranno stavolta gli irriducibili patrioti delle nobili Schiatte di Thersa. Sede del Concistoro sarà invece la celebre “magione scarlatta”, un antico palazzo il cui passato si perde in un quadro dalle tinte tanto fosche quanto enigmatiche.

- L’evento si terrà dalla sera di venerdì 26 Febbraio fino al primo pomeriggio di domenica 28 Febbraio.

- Le aree di gioco comprenderanno l’imponente casolare di Pergo (situato a circa 4 km da Cortona – AR) e il vasto giardino circostante. Un autentico dedalo di corridoi e sale articolato su tre piani attorno a cui si stagliano pittoreschi scorci di prati, boschetti e incantevoli siepi.

L'associazione culturale "Le Terre degli Angeli" è lieta di introdurvi al suo nuovo evento di GRV!


* * *


“BANCHETTO DEI LEONI” – Antefatto


AUDITE PROBAE GENTES

Al concludersi delle fosche sorti dell’anno Ventesimo Ottavo e al principio delle novelle speranze che s’accompagnano all’anno Ventesimo Nono, le Nobili Dinastie di Athar chiamano a sé la virtù di quanti ancor oggi s’ostinano a difender il precario fato dell’Orifiamma.
Nel rinnovar la secolare tradizione del Banchetto dei Leoni vogliamo altresì recar un chiaro messaggio agli immondi parassiti che infettano le lande nostre. Che costoro possano assister al nostro ritorno in patria attraverso le vie sicure che furono procurate nelle ultime lune, che costoro possano vederci varcar di nuovo le soglie delle nostre dimore e che costoro alfine possano tremar innanzi alla manifesta ira del Leone.
Presso l’antica Qasba di Khamun, luogo emblematico nelle pagine della storia odierna, i fuochi celebrativi e i deschi conviviali saranno ancor una volta allestiti onde sfidar i biechi ricatti dell’avversa fazione. A costo di presenziar in questo frangente tenendo una mano stesa sui provvidi pegni dell’ospitalità e l’altra cinta sull’elsa del ferro, chiediamo a Voi tutti di non disertar siffatto appuntamento.
Tenendo un vigile occhio rivolto alle molteplici insidie che aleggiano nell’Orifiamma, nondimeno ci premureremo di curar i nostri scopi comuni e di sostenerci con reciproco conforto. Agli Spettabili araldi e ambasciatori dell’Orsa Bianca e della Torre Scarlatta chiediamo di diffonder la presenta chiamata alle genti loro, certi che nessuno vorrà volger le spalle all’unanime desiderio di riscatto che oggidì ci unisce contro l’oscuro volto della sorte.

Con incrollabile Ardore, solenne Rispetto e schietta Devozione,

Gran Kal’esir Jaina Intissar Ibn Kamal,
Implacabile vedova di Lord Karim Rashid Ibn Amjad Komein, Rahis di Athar


L'associazione culturale "Le Terre degli Angeli" è lieta di introdurvi al suo nuovo evento di GRV!


“UOMINI E FIERE”

All’attenzione delle Nobili Corti dell’Orifiamma e dei probi patrioti dei Regi Ducati,

I recenti risvolti ci inducono a turbar le Signorie Vostre onde segnalar la fosca insidia che va affiorando entro il prospero cuore del fiero Ducato dell’Orsa.
Nella fattispecie presso il florido feudo di Ogmadh, situato a breve distanza dalle celeberrime accademie di Tomiloch, è stata ravvisata la presenza di ignoti figuri presumibilmente legati alle caste sciamaniche che due lune addietro causarono grande sfacelo tramite i loro scellerati portenti. Nessuno può spiegar come costoro siano riusciti a lasciar le proprie dimore delle Grandi Cime e a penetrare nelle contrade centrali di Gardan eludendo qualsivoglia vigilanza; nondimeno è d’uopo far fronte con adeguate misure ai molteplici perigli insiti in codesta intrusione.
Oltre la famose istituzioni laddove si coltiva il più illuminato sapere, queste contrade ospitano difatti fiorenti mercati e provvigioni che oggidì costituiscono una risorsa vitale per le nostre lande afflitte da atroci piaghe.

Col beneplacito di Sua Grazia Logan Elestran del Clan Mac Dussel, Frehines di Gardan, si richiede dunque il Vostro cortese ausilio nel predetto loco.
I servigi d’ogni abile milite e uomo d’ingegno saranno accolti con sincera gratitudine e con l’onore che ci contraddistingue assieme omaggeremo i sacri vincoli della Carta Cardinale.

Possa la Vostra via esser retta et salda al pari degli intenti Vostri,

Sir Robert Lethoun,
Thane di Ogmadh



Valorosi o empi pellegrini dell'Orifiamma,

A causa di un'emergenza imprevista occorsa all'interno del nostro staff, l'associazione ha deciso di posticipare la data della sessione di Novembre "Uomini e Fiere" a domenica 22.

Per il resto sede e orari dell'evento resteranno inalterati rispetto a quanto pubblicato sulle news del nostro sito.

Ci scusiamo per gli eventuali disagi arrecati e confidiamo che tutti potranno ugualmente partecipare a questo mirabile evento. Vi chiediamo ovviamente di aiutarci a diffondere il presente appello a tutti gli interessati!

Restiamo a disposizione per ogni esigenza e vi auguriamo sin da ora:

IN BOCCA AL TROLL!!!

 

L'associazione culturale "Le Terre degli Angeli" è lieta di introdurvi al suo nuovo evento di GRV!





“SERPI IN SENO”

Molteplici sagome sfilavano nella cupa penombra della galleria, rischiarate a malapena dal flebile lume delle lanterne appese alle pareti… l’aria era pesante e madida d’umidità tanto da render ancor più difficoltosa l’avanzata di quanti percorrevano il lungo budello naturale. Sovente alcuni cedevano all’atmosfera soffocante, costringendo consanguinei e gregari a trascinarseli dietro su lettighe improvvisate.
La liberazione del passaggio del Sottomondo aveva permesso alla corte del Leone di riallacciare contatti con i lontani sobborghi di Canaham ma tale processo era stato nondimeno assai oneroso. Dopo circa due settimane di alacre opera gli esploratori athariani erano riusciti a confermare la sicurezza del tunnel ma c’erano altresì voluti molti dì per persuadere i popolani rimasti in patria ad avventurarsi in quell’oscuro cunicolo allo scopo di recare provvigioni ai molti esuli migrati entro le regioni occidentali di Gardan.
Le notizie che giungevano per bocca di costoro, avvelenate dalla paura, erano perlopiù confuse e discordanti… si vociferava che interi villaggi fossero stati abbandonati dagli abitanti e che altrove intere comunità avessero ceduto al subdolo patto di sangue imposto dall’Untrice; altri sostenevano invece che molte famiglie athariane avessero orgogliosamente respinto le bieche richieste della strega, ostinandosi a restare in patria solo per veder gran parte dei propri cari trucidati dall’empio maleficio del Morgigh.
Alla compagine che percorreva la galleria nella direzione opposta rispetto ai profughi, incrociando le loro facce logorate dal timore e dalla disperazione, sarebbe dunque spettato l’arduo compito di svelare il volto di Athar dopo l’ascesa della temuta “Signora del Morbo”… nonché affrontare gli ignoti orrori fioriti nel cuore stesso delle lande del Leone.